lunedì 28 aprile 2008

V2 DAY

¿C'è qualcuno che può spiegarmi cosa succede in Italia con i giornalisti, la TV e cosa vuole Beppe Grillo?

11 commenti:

Reyjam ha detto...

Sarò lieto di spiegartelo io , dato che appoggio pienamente le campagne di Grillo.
Praticamente vuole proporre un referendum su tre punti, che però non ti spiego perchè è un pò complicato. In pratica in Italia il Governo da dei fondi pubblici ai giornali e mai mass media per poter fare informazione. Cosa comporta questo? I giornalisti non fanno una buona informazione, non parlano dei complotti dei politici e delle leggi che si fanno per loro. Inoltre in Italia attualmente andrà al governo Berlusconi, con le leggi che ci sono adesso , lui che andrà al governo controllerà la RAI (Radio Televisione Italiana)che è la rete radiofonica e televisiva di Stato e così farà passare le informazioni che vuole lui. Ma non è tutto: Mediaset che è la rete televisiva privata più grande in Italia è di sua proprietà come 15 testate giornalistiche . Quindi in Italia , l'informazione è di parte e non fa vera informazione!!! Grillo vuole eliminare questo sistema. Se non sono stato chiaro dimmelo , che non ho problemi a rispiegartelo perchè una cosa giusta quella che lui fa.

Reyjam.

Anna ha detto...

Si capisce pienamente, grazie.
E, come va tutto questo? potrà fare questo referendum?

Gli amici di Georges (Brassens) ha detto...

Anche io lo capisco. Grazie. Il quarto potere in Spagna non è proprio perfetto, ma...
Per essempio, se parliamo dei giornali, tutta la gente sà che "El País" parla per i socialisti, "El Mundo" è la diestra, "La Vanguardia" conservatore (monarchico, nel inizio), "Avui" è una mescolanza di "flower power", ecologisti, catalanisti... Per capire quello che passa nel paese hai bisogno di lire la stessa notizia a tutti i giornali ogni giorno perchè cambia secondo chi la raconta!

Reyjam ha detto...

Il referendum non si farà perchè avrebbe dovuto raccogliere 500000 firme e ne ha raccolte 450000. Inoltre in Italia c'è una legge per la quale non si possono proporre referendum entro 6 mesi dalle elezioni del nuovo governo. Comunque è un ottimo risultato. Non è mai successo in Italia che venisse raccolte così tante firme per un referendum in un solo giorno. Ma Beppe Grillo ha detto che consegnerà comunque le firme in Parlamento e poi si vedrà se faranno quello che è meglio per la gente. E comunque in Italia non c'è che ogni strumento di comunicazione è per un partito come in Spagna, adesso con Berlusconi "tutti" i canali televisivi , radiofonici e i giornali diranno quelle che vuole il governo. Questo è un sistema che aveva creato "MUSSOLINI" nel 1935 per tenere dalla sua parte tutti gli strumenti di comunicazione. E' una vergogna.

Reyjam.

Gli amici di Georges (Brassens) ha detto...

Certo. Hai ragione, ma adesso abbiamo l'Internet. Non è così facile manipulare la gente.
Credo che se vuoi sapere, puoi saperlo!

Anna ha detto...

Non pensi che qui ci siano tanti mezzi di comunicazione indipendenti. Ci sono solo tre, Il giornale El Mundo , nella radio La Cope, e su internet Libertad digital, tutti gli altri ci sono controllati da Zapatero, e questi tre vogliono chiuderli.
Mi dispiace questo di Grillo, ma questi movimenti fanno il suo lavoro lentamente, e all’improvviso sorge qualcosa.
È molto gradevole trovare un ragazzo della tua età così informato della politica, non so se questo è normale in Italia. Qui, in Spagna è una cosa veramente difficile.
Congratulazioni.

Reyjam ha detto...

Grazie del complimento Anna. Anche in Italia è difficile. Io di queste cose parlo non con i ragazzi della mia età , ma con studenti universitari o adulti. I miei coetanei sono allergici alla politica e all'attualità.

Reyjam.

Gli amici di Georges (Brassens) ha detto...

È davvero sorprendente trovare qualcuno della tua età che può parlare de tante cose... E un Ferrarista! Bravo!

ina ha detto...

Scusate, in che senso la COPE sarebbe indipendente?

Anna ha detto...

Indipendente del controllo dell’ apparecchio pubblicitario del PSOE, meglio di quello di Goebbels

ina ha detto...

ah beh

il fuoco e le bracce, come si suol dire.